sabato 29 aprile 2017

La roccia di;AL NASLAA.Prove tecniche di una tecnologia aliena?

Al naslaa
Molteplici sono le teorie a sostengono dell'intervento di una tecnologia avanzatissima su questa curiosa formazione rocciosa .
Tracce di una civiltà molto avanzata sono distribuite sui vari continenti e alcune di loro sono talmente incredibili da suggerire un intervento esterno nell'erigere monumentali edifici per cui non si spiega come una "civiltà primitiva, senza adeguate tecnologie sia riuscita ad innalzare e sagomare in modo perfetto monoliti come quello di Naslaa, il quale si erge con tutta la sua imponenza all'interno dell'oasi di Tamiya in Arabia Saudita.
Sul "sassolino" di dimensioni enormi sono stati incisi dei laboriosi petroglifi raffiguranti dei misteriosi umanoidi. L'enorme pietra è suddivisa in due parti le quali poggiano entrambe su una sorta di cuscino roccioso che impedisce alla roccia di toccare il suolo. Il taglio effettuato in modo preciso  ricorda quello di un'affilata spada visto che le due porzioni di roccia sono completamente parallele tra loro. L'enorme roccia considerata uno dei più grandi misteri dell'umanità, continua ad attrarre migliaia di turisti che ogni anno si recano nella località di Al-Naslaa per osservare le due metà perfettamente tagliate e poste in equilibrio su una sorta di piedistallo roccioso. 
Proprio la perfezione del taglio, ha dato origine a innumerevoli teorie che ancora oggi non sono riuscite ad ottenere spiegazione. Il megalite è stato scoperto da Charles Huver nel 1883, e da allora la sua scoperta è stato oggetto di dibattito tra gli esperti che hanno condiviso le loro opinioni su chi o cosa possa aver diviso la roccia in due parti perfettamente bilanciate ma soprattutto su cosa possa aver prodotto quel taglio così perfetto .
Di solito le persone più generose sono quelle che hanno meno da dare. 

Nessun commento :

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...